SPUNTI E APPUNTI
PER INIZIARE

BLOG



16 Settembre 2019 - Cristina Turconi

Sei alla Corte del Re Sole

Sulla strada di ritorno dalle mie vacanze in Normandia ho fatto una sosta per visitare il castello di Fontainebleaue e la meravigliosa reggia di Versailles. Nella rievocazione storica della visita, sono rimasta particolarmente impressionata dall’incessante lavoro svolto da Luigi XIV nella costruzione di Versailles, nell’estrema cura posta nello scegliere la sua “nobiltà” e dagli innumerevoli sforzi rivolti a tutto ciò che regolava la vita di corte.

La corte del Re Sole era una società di tipo piramidale con una scala gerarchica rigidamente costruita dal cui vertice, rappresentato dal re, si scendeva via via fino alla base (il popolo).
Un modello basato sull’ego, sulla separazione, sulla competitività (sugli intrighi), sul controllo e sul benessere di pochi. Tale aspetto veniva alimentato dagli stessi sudditi i quali, per poter scalare posizioni, essere benvoluti ed entrare nelle grazie del sovrano, si prestavano ad ogni tipo di azione e sotterfugio al fine di acquisire maggiori vantaggi a scapito degli altri.

Osservando bene questa modalità ho ripensato a diverse realtà aziendali, dove l’esercizio del potere e del controllo finalizzato alla soddisfazione di bisogni e di interessi personali di pochi, fa vacillare la fiducia e diminuire il coinvolgimento nelle persone.

In generale, il dover gestire ansie e paure induce infatti i lavoratori a forme di adattamento passivo che ne sacrificano intelligenza autonomia responsabilità e creatività.
Lo stile di Leadership alla Corte di Luigi XIV era vissuto come condizione di superiorità dove nessuno poteva permettersi di offuscare il Re Sole, ne tantomeno mettere in discussione il suo motto “Lo stato sono io” – “ L'état, c'est moi”.

In molte realtà organizzative ancora oggi vige più o meno “silente” questa modalità, che è diventata parte integrante della cultura aziendale (ovvero quell’insieme di norme non scritte che si respirano (e si vivono nei corridoi dell’azienda stessa) influendo negativamente sul clima aziendale.

In queste circostanze anche il passo successivo, che spinge le organizzazioni a mettere in atto programmi di Welfare aziendali che promuovano il benessere dei dipendenti, risulta di scarsa efficacia in termini di miglioramento effettivo dell’engagement.
Tali attività possono essere percepite dai dipendenti come uno “specchietto per le allodole” se non supportate da nuovi modelli basati su principi di interconnessione, sulla vera cooperazione e sulla possibilità di produrre risultati e conseguenti benefici per tutti.

Per far fiorire, valorizzare e trasportare tutte le abilità dei singoli a beneficio dell’intera struttura organizzativa serve invece, un interesse sincero per le persone e per l’efficacia dell’organizzazione stessa.

Portare a terra il concetto teorico del “valore del capitale umano” richiede scelte e azioni congruenti e un cambio di mindset, da quell’IO a un nuovo NOI.

Molte aziende ancora oggi sottostimano la potenza di una Leadership diffusa che trascenda gli interessi individuali in allineamento con tutte le dimensioni organizzative (scopo, cultura, comportamenti, processi, procedure, ambienti e routine).
Come citano V. Gennari e D. Di Ciaccio nel loro illuminante libro - La scienza delle organizzazioni positive, “Non sopravvive la specie che si adatta di più ma quella che ha cooperato meglio: se siamo passati dall’essere cibo per gli animali e dominatori dell’universo è perché abbiamo saputo formare gruppi e collaborare.”

Siamo in un momento di interessante cambiamento. Siamo chiamati a gestire la crescente complessità, a sfidare la nostra intelligenza, a sfruttare i nostri talenti e le nostre potenzialità nel trovare soluzioni creative e innovative... credo fermamente che il costruire quel nuovo NOI sia un passo obbligato da cui partire per salvaguardare la nostra stessa sopravvivenza e favorire la nostra evoluzione anche in ambito lavorativo.

Come ti prendi cura della tua realtà? Stai tenendo conto di questi aspetti nella tua strategia aziendale?  

Cristina Turconi
Business Kit HR&Sales Consultant